Ve l’ho già detto che leggere ad alta voce ai bambini è una esperienza unica al mondo? Che quando la vivo finisce sempre che cammino sollevata da terra di mezzo metro e mi sento leggera come una piuma e forte come un leone?

Probabilmente sì, ve l’ho già detto, ma poiché è la parte più straordinaria del mio lavoro e un’esperienza che fa bene alla salute mentale e fisica di chiunque voglia sperimentarla, penso che lo ripeterò altre dieci, cento, mille… enne volte.

Temo tuttavia che comunque non saranno abbastanza. Allora, per essere certa di condividere la bellezza di questa esperienza con quante più persone possibile, comincio subito a chiedere aiuto a chi, come e più di me, ha la fortuna di averla vissuta tante, intensissime volte.

Ecco perché oggi ho invitato la mia amica Lucia Buonriposi – che oltre a essere mia amica è anche psicologa dell’età evolutiva e dello sport, educatrice, nonché specialista di espressione corporea presso la scuola dell’infanzia e primaria – a raccontarci del progetto “Piccoli lettori crescono”, promosso dall’associazione Germogli, di cui è fondatrice e animatrice, in collaborazione con Nati per leggere.

 

Piccoli lettori crescono

un racconto di Lucia Buonriposi

La magia dei libri, amplificata dalla voce dei narratori e dall’entusiasmo dei bambini in ascolto.

Ecco ciò che aleggiava nell’aria durante tutti gli incontri del progetto Nati per Leggere che abbiamo condotto da ottobre 2018 a maggio 2019. Ecco la bellezza che abbiamo respirato noi volontarie dell’associazione genitori Il Girotondo di Zelo Buon Persico!

Ora che, con lo spirito di sempre e il nuovo nome di Germogli, ci apprestiamo a iniziare un altro anno all’insegna delle emozioni, della musica, dei libri e delle esperienze condivise, cogliamo al volo l’invito che ci ha rivolto Occhicielo a raccontarvi un percorso intenso e il cui ricordo sarà lo stimolo a fare sempre di meglio e di più.

 

Piccoli lettori crescono: un progetto, un proposito

Da anni, con la nostra associazione e grazie alla partecipazione di tanti amici che ne condividono i valori e gli obiettivi, portiamo avanti la collaborazione con il Progetto Nazionale Nati per Leggere, in qualità di “Presidio di lettura ad alta voce”, un compito che svolgiamo con profonda convinzione e piacere.

È per questo che l’impegno e la passione in questa direzione non sono mancati e, attraverso una serie di appuntamenti presso il nostro Centro Prima Infanzia o nell’accogliente Biblioteca di Zelo Buon Persico, abbiamo promosso il nostro progetto “Piccoli lettori crescono”.

Una volta al mese, il sabato mattina in biblioteca, tanti bambini da 0 mesi a 6 anni hanno letteralmente invaso con tanta allegria gli spazi che avevamo predisposto per loro e si sono immersi nell’ascolto delle storie proposte da Nati per leggere e raccontate da tutte noi volontarie.

Insieme, abbiamo passeggiato con un padre e una figlia tra le foglie croccanti di Chiedimi cosa mi piace (Terre di Mezzo, 2016). Abbiamo assistito alle trasformazioni del piccolo Zagazoo (Camelozampa 2016) per guardare la vita che evolve con le sue aspettative e i suoi tanti, possibili punti di vista. Abbiamo danzato sotto Il Temporale (Babalibri 2018) e ascoltato La grande orchestra del bosco antico (Gallucci 2017). Abbiamo sfogliato, ascoltato, letto e ancora letto.

Ogni volta è stata un’esperienza unica, difficile da concludere, perché, chiusa l’ultima pagina del libro programmato, i bambini ci chiedevano con un entusiasmo molto convincente di continuare ancora e ancora. E noi, per non deluderli, continuavamo a leggerne altri selezionati tra gli albi e i racconti più belli presenti nel catalogo della biblioteca, ma anche scelti tra gli scaffali delle nostre librerie personali o di amici appassionati come noi di letteratura per ragazzi. Concludere gli incontri del sabato è stato ogni volta più difficile, perché i bambini armati del loro Passaporto di bravo lettore non volevano più alzarsi da quei quadrotti morbidi e colorati che ai loro occhi diventavano una sorta di tappeto volante nel cielo delle storie!

 

I Piccoli lettori crescono incontrando gli autori

Fortunatamente – oltre che sulle nostre corde vocali – abbiamo potuto contare sull’aiuto di due amiche che sono anche autrici di libri per ragazzi e che, con passione e grande coinvolgimento, hanno letto a questo pubblico così attento degli estratti dei loro libri.

Siamo allora passati dalle avventure di Alma e il cristallo cosmico di Patrizia Licari, a quelle di Verdolina scopre il mondo raccontate dalla sua ideatrice (e un po’ Verdolina anche lei) Francesca de Robertis, che è anche mia amica, come lei stessa vi ha anticipato, e compagna di avventure libresche e non.

Proprio con Francesca, dopo aver scoperto Verdolina, i bambini hanno fatto un breve e intenso viaggio nel suo albo illustrato dedicato alle emozioni, A volte mi sento…, sperimentando con il corpo le sensazioni che quelle stesse emozioni ci fanno provare. Ecco allora che sono diventati dei soli che brillavano di felicità, delle nuvole che si gonfiavano di tristezza, dei fuochi che ardevano di rabbia, delle fonti che zampillavano di piacere e, alla fine, tanti cuori che battevano d’amore, intrecciati in quegli abbracci inestricabili che solo i bambini sanno fare.

Insomma la Biblioteca si animava di voci e di storie, è stato bellissimo!

 

I Piccoli lettori crescono con le letture animate

A riempirsi di bambini e di vita però non sono stati solo gli spazi altrimenti silenziosi della biblioteca. Anche il nostro Centro Infanzia ha aperto le sue porte al progetto Piccoli lettori crescono e alla lettura ad alta voce, che qui ha preso la forma di una vera e propria “lettura animata”.

Con la partecipazione dei Servizi Educativi e delle Pediatre del territorio di Zelo Buon Persico – e con nostra grande soddisfazione – siamo riuscite a coinvolgere più di 200 bambini. Per loro abbiamo preparato una serie di letture ad alta voce animate, centrate su specifiche fasce d’età, per offrire ai piccoli l’occasione di entrare nel vivo della storia grazie a dei laboratori esperienziali.

È questo che intendiamo con il titolo che abbiamo dato al progetto, “I libri prendono vita!” Perché i bambini entrano nella storia e la animano con il proprio corpo e la propria esperienza diretta. E davvero le poche foto che sto condividendo qui su Occhicielo non possono trasmettere l’intensità di questi momenti.

Con i miei occhi ho avuto il privilegio di vedere quanto, per tutti i bambini coinvolti, dai piccolissimi che frequentano il nido o il centro infanzia, a quelli della scuola dell’infanzia, fino ai più grandi delle prime classi delle primaria, le letture animate proposte sono state un’esperienza entusiasmante e coinvolgente!

C’è chi si è avventurato a Caccia dell’orso (Mondadori 2015), attraversando campi di paglia, corsi d’acqua, tempeste e foreste, per arrivare fino alla sua tana. Chi è entrato in un mondo magico disegnato nella carta da parato blu della camera di Luna, solo grazie a una penna rossa e alla propria fantasia (Luna e la camera blu, Babalibri 2014). Chi invece si è infilato nelle tane dei conigli ma non più per un Litigio (Babalibri 2009). E chi ha finalmente trovato il suo cappello (Voglio il mio cappello, Zoolibri 2016), chi infine, tra i più grandi, ha scritto messaggi per un amico forse vero o forse no (Un orso per amico, Emme Edizioni 2018).

Insomma, sapete quando si dice che “i libri sono magici” perché ci permettono di vivere mille vite e mille avventure? Beh, mentre ripercorro i momenti trascorsi tra libri e bambini qui con voi, me ne convinco sempre di più…

i libri sono la più bella delle magie!

 

Non conosci ancora i libri Occhicielo?

Per scoprire i libri della collana Occhicielo, fai clik sul banner qui sotto, visita la nostra pagina libri e buona scoperta!

 

Iscriviti alla nostra newsletter

Se vuoi intraprendere il viaggio nell’educazione emotiva insieme a noi, iscriviti alla nostra newsletter! Un modo per tenerci in contatto e per tenerti sempre aggiornato sulle nostre iniziative e novità.

About the author

“Perché sono nato?” È questa La grande domanda che si pone Wolf Erlbruch. La risposta che ho trovato per me è: per vivere e condividere emozioni. Ho scoperto che non c’è strumento migliore delle parole per raggiungere un obiettivo tanto ambizioso. Forse è per questo che le ho scelte per la mia professione. Tra le parole vivo, tra le parole lavoro, tra le parole navigo. Per scoprire, per trasmettere, per raccontare e aiutare a raccontare, esperienze, saperi e storie.

PIACE A OCCHICIELO

Il ruolo della famiglia in età evolutiva

Sabato 15 febbraio, dalle 14.30 alle 17.30, presso il Centro Kadamà in viale Etiopia 6 a Milano, Marina Massenz, Dante Ghezzi e Maria Teresa Persico ci parleranno di famiglia come sistema dinamico e del ruolo che svolge in età evolutiva.

L’evento è gratuito ma il numero dei posti  è limitato.

Per prenotazioni scrivete a: segreteria.kadama@gmail.com

SEGUICI

Segui Occhicielo sui suoi canali social!

TENIAMOCI IN CONTATTO

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle avventure di Occhicielo.

 

TAG CLOUD

POTREBBE INTERESSARTI

In
L’amico immaginario per crescere insieme
25 Febbraio 2020no comments
In
Alla scoperta dell’intelligenza emotiva con Verdolina
27 Gennaio 2020no comments
In
Bambini: il bello e il buono della noia
25 Ottobre 2019no comments