Cesare Moreno: educare “per” e non “contro”

Domenica 5 maggio ho aperto la bellissima giornata di E tu da che parte stai? con l’intervista a Cesare Moreno.

Una grande emozione! A qualche giorno di distanza credo di poterla paragonare a quella che si prova sfogliando un albo illustrato che ti piace molto: lo sfogli lentamente, ti immergi nelle immagini, leggi i brevi testi che in poche righe hanno lo stesso potere di tante pagine.

Cesare Moreno racconta e ti mostra con naturalezza le sue intense esperienze educative, ti porta nel cuore dei bambini e dei ragazzi, ti lascia lì, e non puoi più tornare indietro.

La relazione educativa è una relazione di aiuto? No.

È una relazione di cura? Forse sì, se per cura intendiamo quella attività che ci consente di entrare nel rapporto con l’altro e essere gratificato dal rapporto con l’altro.

I mammiferi, a differenza dei rettili, sono contenti quando danno: nel rapporto di allattamento, c’è un riempimento e uno svuotamento, ma non c’è sacrificio, c’è godimento da entrambe le parti.

L’educazione si deve ispirare a questo modello: quando io ti do, tu mi dai. La reciprocità è questa!

Ogni bambino che riceve qualcosa da un adulto, gli restituisce moltissimo. E se l’adulto non è capace di ricevere, è qui che nascono le difficoltà! Quando io parlo con i volontari dico sempre: dare è facile, è ricevere la parte difficile.

Uno dei delitti della nostra società è quello di far sentire i giovani inutili!

 

Educare per: la pedagogia delle opportunità

Ecco l’esperienza di Cesare Moreno, “promotore di cittadinanza giovanile”!

Per me è stata una occasione importante per riflettere su un modo bello e costruttivo di promuovere i legami e curare le relazioni, nella scuola e fuori. Credo che possa esserlo anche per voi.

 

Iscriviti alla nostra newsletter

Se vuoi intraprendere il viaggio nell’educazione emotiva insieme a noi, iscriviti alla nostra newsletter! Un modo per tenerci in contatto e per tenerti sempre aggiornato sulle nostre iniziative e novità.

 

About the author

Ho cominciato a insegnare nella scuola elementare (mi piace chiamarla così!) quando ero ragazza e anche ora, a pochi “metri” dalla pensione, non smetto di scoprire nuovi aspetti di me e dei bambini. Sono una maestra convinta e ostinata, la mia personale pedagogia non si è formata sui libri, ma in classe, e il mio pensiero guida è “non uno di meno”, che significa non lasciare mai da parte nessuno e fare in modo che ognuno funzioni al meglio del suo personale “disegno”. Soprattutto cerco il modo per far star bene tutti e per farli crescere fiduciosi in loro stessi. Ho scritto tanti libri per bambini e ragazzi, alcuni di divulgazione scientifica, molti a uso scolastico. Poi, poco tempo fa, ho scritto il mio primo libro per grandi “Tutti i bambini devono essere felici” (Terre di Mezzo Editore), perché credo, sempre di più, nella scuola pubblica.

PIACE A OCCHICIELO

Il ruolo della famiglia in età evolutiva

Sabato 15 febbraio, dalle 14.30 alle 17.30, presso il Centro Kadamà in viale Etiopia 6 a Milano, Marina Massenz, Dante Ghezzi e Maria Teresa Persico ci parleranno di famiglia come sistema dinamico e del ruolo che svolge in età evolutiva.

L’evento è gratuito ma il numero dei posti  è limitato.

Per prenotazioni scrivete a: segreteria.kadama@gmail.com

SEGUICI

Segui Occhicielo sui suoi canali social!

TENIAMOCI IN CONTATTO

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle avventure di Occhicielo.

 

TAG CLOUD

POTREBBE INTERESSARTI

In
L’amico immaginario per crescere insieme
25 Febbraio 2020no comments
In
Alla scoperta dell’intelligenza emotiva con Verdolina
27 Gennaio 2020no comments
In
Bambini: il bello e il buono della noia
25 Ottobre 2019no comments